La nostra organizzazione sindacale riceve continue segnalazioni da persone che sono state assunte a tempo determinato per fronteggiare l’emergenza CoViD 19 e non hanno ancora ricevuto un euro di stipendio. In effetti è una condizione generalizzata a tutti questi lavoratori e, ad oltre due mesi dalla riapertura delle scuole, si tratta di una situazione inaccettabile ma che fa il paio con le moltissime promesse sulla sicurezza che l’amministrazione non ha mantenuto. Dove sono i nuovi locali per cancellare le “classi pollaio”? Che ne è dei dispositivi di protezione individuali? Dove sono i tamponi e perché non c’è un monitoraggio affidabile e continuo?In queste condizioni i 72.000 colleghi del cosiddetto “organico CoViD”, sia docenti che ATA, vanno a lavoro mettendo la propria salute a rischio e il Governo li ignora: la loro situazione stipendiale non è inserita a sistema, i soldi non arrivano.Lo ripetiamo: tutto questo deve cessare con la corresponsione immediata di quanto dovuto.

La CUB Scuola Università Ricerca si mette a disposizione di tutti i colleghi interessati per attivare senza alcun indugio la messa in mora dell’amministrazione (scrivere a: cubsur.nazionale@gmail.com).

2 Replies to “anche chi lavora su organico COVID dev’essere pagato!!”

  1. Cub Scuola
    PAGARE SUBITO I COLLEGHI E LE COLLEGHE SU CONTRATTO COVID
    Il MI, con la nota n. 27865 del 20/11/2020, ha fornito alle istituzioni scolastiche l’accesso ad uno strumento informatico utile a definire la spesa prevista per ogni tipo di contratto stipulato sull’organico CoVid. È BENE ESSERE CHIARI: per quanto possano servire gli strumenti di previsione, LA PRIORITÀ ASSOLUTA VA AL PAGAMENTO IMMEDIATO DEGLI STIPENDI AI COLLEGHI NOMINATI!
    Consigliamo a tutte/i di effettuare la procedura di messa in mora per ottenere senza ulteriori indugi quanto dovuto. Per info: cubsur.nazionale@gmail.com

    1. Cub – Scuola Ricerca Università
      SI AVVIA A SOLUZIONE IL PAGAMENTO DELLE/DEI COLLEGH* SU CONTRATTI COVID

      Mercoledì 2 dicembre dovrebbero andare in pagamento i compensi per quei contratti che sono stati regolarizzati nell’ambito dell’emissione speciale del 25 novembre. Si tratta dei contratti che le scuole hanno segnalato entro il 23 e per i quali la ragioneria dello Stato ha verificato l’assegnazione di risorse. Si stima che questo interessi poco più di 65.000 ratei (non persone perché alcun* collegh* potrebbero avere più ratei in pagamento).
      Le segnalazioni che le scuole effettueranno da qui in avanti dovrebbero comunque essere liquidate entro la fine di dicembre poichè si prevede una nuova emissione per lunedì 14 dicembre.
      UNA VICENDA SCANDALOSA SI AVVIA A CONCLUSIONE ma va sottolineato l’assurdo comportamento di un’amministrazione pubblica che pretende di far lavorare le persone senza provvedere contestualmente gli strumenti per pagare quel lavoro.
      Staremo a vedere se questa volta le promesse avranno un seguito e chiediamo a tutt* le/i collegh* di segnalarci problemi e disfunzioni.

      https://www.facebook.com/Cubscuolauniversitaricerca/posts/2695928983990859

Rispondi a admin Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *